Tintura tessile, stampa& Finitura

novembre 07, 2022

Qui condividerò informazioni sulla tintura dei tessuti, sulla stampa& processo di finitura

Invia la tua richiesta

    Tintura, stampa& la finitura sono processi critici nella produzione di tessuti perché conferiscono colore, aspetto e maneggevolezza al prodotto finale. I processi dipendono dalle attrezzature utilizzate, dai materiali costituenti e dalla struttura dei filati e dei tessuti. Tintura, stampa& il finissaggio può essere effettuato in varie fasi della produzione tessile.


    Le fibre naturali come il cotone o la lana possono essere tinte prima di essere filate e i filati prodotti in questo modo sono chiamati filati tinti in fibra. I coloranti possono essere aggiunti alle soluzioni di filatura o anche nelle chips di polimero quando vengono filate fibre sintetiche, e, in questo modo, si ottengono filati tinti in massa o filati tinti in massa. Per i tessuti tinti in filo, i fili devono essere tinti prima della tessitura o della lavorazione a maglia. Le macchine per tintura sono progettate per tingere filati sotto forma di matasse avvolte in modo lasco o avvolte in rocche. Tali macchine sono denominate rispettivamente macchine per tintura in matassa e macchine per tintura in rocca.


   Le lavorazioni di finissaggio possono essere eseguite anche sui capi assemblati. Ad esempio, gli indumenti in denim lavati in molti modi, come il lavaggio con pietre o il lavaggio con enzimi, sono molto popolari in questi giorni. La tintura in capo potrebbe essere utilizzata anche per alcuni tipi di maglieria per produrre capi in modo da evitare sfumature di colore al loro interno.


   Tuttavia, nella maggior parte dei casi la tintura, la stampa& si effettuano finissaggi sui tessuti, per cui le tele vengono tessute o lavorate a maglia e poi questi tessuti allo stato grigio o "greige", dopo trattamenti preliminari, vengono tinti, e/o stampati, e finiti chimicamente o meccanicamente. 



Trattamenti preliminari


    Per ottenere risultati "prevedibili e riproducibili" in tintoria e finissaggio, sono necessari alcuni trattamenti preliminari. A seconda della lavorazione, i tessuti possono essere trattati come pezzi singoli o in lotti, oppure cuciti insieme tramite punti catenella, facilmente rimovibili per la post-lavorazione, per creare lunghe lunghezze di lotti diversi per la lavorazione continua. 


  1. 1. Cantare


   La bruciatura è il processo per bruciare le fibre o fare un pisolino sulla superficie del tessuto per evitare tinture irregolari o macchie di stampa. In generale, i panni intrecciati in cotone grigio devono essere bruciati prima di iniziare altri trattamenti preliminari. Esistono diversi tipi di macchine per cantare, come il cantante a piastre, il cantante a rulli e il cantante a gas. La macchina per la cottura delle lastre è la tipologia più semplice e antica. Il panno da bruciare passa su una o due piastre di rame riscaldate ad alta velocità per rimuovere il pelo ma senza bruciare il panno. Nella forgiatrice a rulli vengono utilizzati rulli in acciaio riscaldati al posto delle lastre di rame per dare un migliore controllo del riscaldamento. La macchina per bruciare i gas, in cui il tessuto passa sopra dei bruciatori a gas per bruciare le fibre superficiali, è oggi il tipo più diffuso. Il numero e la posizione dei bruciatori e la lunghezza delle fiamme possono essere regolati per ottenere il miglior risultato. 


2. Dimensionamento

   

    Per i filati di ordito, in particolare il cotone, utilizzati nella tessitura, la imbozzimatura, solitamente utilizzando l'amido, è generalmente necessaria per ridurre la pelosità del filato e rinforzare il filato in modo che possa resistere alle tensioni di tessitura. Tuttavia, le dimensioni lasciate sul tessuto possono impedire alle sostanze chimiche o ai coloranti di entrare in contatto con le fibre del tessuto. Di conseguenza la pezzatura deve essere rimossa prima dell'inizio della purga.


   Il processo per rimuovere la dimensione dal tessuto è chiamato sbozzimatura o macerazione. Si può usare la sbozzimazione enzimatica, la sbozzimazione alcalina o la sbozzimazione acida. Nella sbozzimatura enzimatica, i panni vengono imbottiti con acqua calda per gonfiare l'amido, quindi imbottiti con liquore enzimatico. Dopo essere stati impilati per 2-4 ore, i panni vengono lavati in acqua calda. La sbozzimatura degli enzimi richiede meno tempo e provoca meno danni ai panni, ma se si utilizza la colla chimica invece dell'amido di frumento, gli enzimi potrebbero non rimuovere la dimensione. Quindi, il metodo ampiamente utilizzato per la sbozzimatura è la sbozzimatura con alcali. I tessuti vengono impregnati con una soluzione debole di soda caustica e accatastati in un recipiente di macerazione per 2-12 ore, quindi lavati. Se successivamente i panni vengono trattati con acido solforico diluito, si possono ottenere risultati migliori. 

    

   Per i tessuti a maglia, la sbozzatura non è necessaria poiché i filati utilizzati nella maglieria non sono calibrati.


3. Purga

   

   Per i capi grigi in fibre naturali, le impurità sulle fibre sono inevitabili. Prendendo ad esempio il cotone, potrebbero esserci cere, prodotti a base di pectina e sostanze vegetali e minerali. Queste impurità possono conferire alle fibre grezze un colore giallastro e renderle difficili da maneggiare. È probabile che le impurità cerose nelle fibre e le macchie di olio sui tessuti influiscano sui risultati di tintura. 


   Inoltre, potrebbe essere necessaria la ceratura o l'oliatura per rendere i filati in fiocco morbidi e lisci con coefficienti di attrito inferiori per l'avvolgimento o la lavorazione a maglia. Per i filamenti sintetici, in particolare quelli da utilizzare nell'ordito, durante l'orditura devono essere utilizzati tensioattivi e inibitori di elettricità statica, che di solito sono un'emulsione oleosa appositamente formulata, altrimenti i filamenti possono trasportare cariche elettrostatiche, che disturberanno gravemente il lavoro a maglia o azioni di tessitura. 


   Tutte le impurità, inclusi oli e cere, devono essere rimosse prima della tintura e della rifinitura e la purga può, in larga misura, servire allo scopo. Uno dei metodi più comuni per pulire il panno di cotone grigio è l'abbigliamento kier. Il panno di cotone viene confezionato in modo uniforme in un kier ermeticamente sigillato e i liquori alcalini bollenti vengono fatti circolare nel kier sotto pressione. Un altro modo comunemente usato nella sgrassatura è la cottura a vapore continua e la sgrassatura viene elaborata in un'apparecchiatura disposta in serie, che comprende generalmente un mangano, una J-box e una lavatrice a rulli. 


   Il liquido alcalino viene applicato sul tessuto attraverso il mangano, quindi il tessuto viene alimentato nella J-box, in cui il vapore saturo viene iniettato attraverso il riscaldatore di vapore e, successivamente, il tessuto viene accatastato in modo uniforme. Dopo una o più ore, il tessuto viene consegnato alla lavatrice a rulli.


4. Sbiancamento

   

   Sebbene la maggior parte delle impurità nei panni di cotone o lino possa essere rimossa dopo la purga, il colore naturale rimane ancora nel tessuto. Affinché tali tessuti possano essere tinti in un colore chiaro o essere utilizzati come tele di fondo per le stampe, è necessario candeggiare per rimuovere il colore intrinseco. 


   L'agente sbiancante è in realtà un agente ossidante. I seguenti agenti sbiancanti sono comunemente usati.


   L'ipoclorito di sodio (può essere utilizzato anche l'ipoclorito di calcio) può essere l'agente sbiancante comunemente usato. Lo sbiancamento con ipoclorito di sodio viene generalmente eseguito in condizioni alcaline, perché in condizioni neutre o acide l'ipoclorito di sodio sarà gravemente decomposto e si intensificherà l'ossidazione delle fibre cellulosiche, che può far diventare le fibre cellulosiche cellulosa ossidata. Inoltre, metalli come ferro, nichel e rame e i loro composti sono ottimi agenti catalitici nella decomposizione dell'ipoclorito di sodio, pertanto nel processo non possono essere utilizzate apparecchiature realizzate con tali materiali. 


   Il perossido di idrogeno è un eccellente agente sbiancante. Ci sono molti vantaggi per lo sbiancamento con perossido di idrogeno. Ad esempio, il tessuto sbiancato avrà una buona bianchezza e una struttura stabile e la riduzione della resistenza del tessuto è inferiore rispetto a quando sbiancato con ipoclorito di sodio. È possibile combinare i processi di sbozzimatura, purga e candeggio in un unico processo. Lo sbiancamento con perossido di idrogeno viene generalmente eseguito in una soluzione alcalina debole e dovrebbero essere utilizzati stabilizzanti come il silicato di sodio o la trietanolammina per superare le azioni catalitiche causate dai metalli sopra menzionati e dai loro composti. 


   Il clorito di sodio è un altro agente sbiancante, che può conferire un buon bianco al tessuto con meno danni alla fibra ed è adatto anche per la lavorazione continua. Lo sbiancamento con clorito di sodio deve essere eseguito in condizioni acide. Tuttavia, quando il clorito di sodio si decompone, verranno rilasciati vapori di biossido di cloro, dannoso per la salute umana ed è fortemente corrosivo per molti metalli, plastica e gomma.  Pertanto il metallo di titanio è generalmente utilizzato per realizzare le apparecchiature per lo sbiancamento e dovrebbe essere adottata la necessaria protezione contro i vapori nocivi. Tutti questi rendono questo metodo di sbiancamento più costoso.



Grazie per il tuo tempo.

















Invia la tua richiesta